Welfare, Lavoro, Formazione e Politiche Giovanili

Servizio Civile Universale

Il Servizio Civile Universale è un’opportunità per i giovani dai 18 ai 29 anni non compiuti. I volontari selezionati si impegnano in attività solidaristiche e di formazione civica per un periodo compreso fra gli 8 ai 12 mesi, presso enti accreditati per il Servizio Civile. A ciascun volontario è riconosciuto un rimborso mensile pari a 433,00 euro.

Il Servizio Civile Universale, già Nazionale, è un misura nazionale, co-gestita dalle Regioni e Pubbliche Amministrazioni.

Le aree di intervento in cui sono impegnati i volontari sono: assistenza, protezione civile, ambiente, patrimonio ambientale e riqualificazione urbana, patrimonio storico artistico e culturale, educazione e promozione culturale, paesaggistica, ambientale, del turismo sostenibile e sociale e dello sport, agricoltura in zona di montagna, agricoltura sociale e biodiversità, promozione della pace tra i popoli, della nonviolenza e della difesa non armata, promozione e tutela dei diritti umani, cooperazione allo sviluppo, promozione della cultura italiana all’estero e sostegno alle comunità di italiani all’estero.

Possono presentare e realizzare progetti di servizio civile - e quindi richiedere volontari da inserire nei progetti - gli enti pubblici e non profit accreditati all’albo della Regione Puglia o altri albi regionali/Province autonome con sedi di attuazione in Puglia.

Con la firma del Protocollo di Intesa tra l’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile, le Regioni e le Province autonome del 26/01/2006 per l’entrata in vigore del decreto legislativo 77/2002, la Regione Puglia ha assunto competenze nella gestione delle attività del Servizio Civile in Puglia.

Dal 2018 la Regione ha avviato percorsi di supporto agli enti per il passaggio al sistema del Servizio Civile Universale, che richiede un nuovo accreditamento e nuove competenze.

Fondi: 
Ogni anno il Dipartimento per le Politiche Giovanili e il SCU dispone nel Documento di Programmazione Finanziaria la cifra che stabilisce il numero dei volontari da avviare in servizio in Italia e all’estero e la cifra da erogare alle Regioni e PA per il funzionamento del Servizio Civile. Il finanziamento disposto a favore delle Regioni e PA ha la natura di bilancio vincolato.

Nel Piano triennale 2020-2022 per la programmazione del SCU sono indicati i criteri di ripartizione dei posti per i volontari nelle singole Regioni/P.A.:

-       presenza di giovani tra i 18 e i 28 anni,

-       capacità degli enti di servizio civile di realizzare programmi di intervento, con riferimento in particolare alle sedi di attuazione accreditate,

-       numero di domande di partecipazione al servizio civile pervenute nel triennio precedente.

Risultati

Su 335 enti accreditati all’Albo per il SCN della Regione Puglia, oggi sono ancora attivi, in quanto con progetti in corso o in fase di avvio, n. 190 enti con 515 sedi di attuazione.

All’Albo Unico del SCU sono già iscritte nella sezione regionale 4 reti locali per un totale di 310 sedi di attuazione: 1 rete di Comuni (con 86 sedi di attuazione),  un’Università (con 140 sedi di attuazione) e due reti di enti non profit (una con 32 sedi di attuazione e la seconda con 52 sedi di attuazione).

1 rete locale è iscritta nella sezionale nazionale dell’Albo Unico, con 349 sedi di attuazione.

Altre 11 reti locali hanno presentato istanza di accreditamento nella sezione regionale dell’Albo unico del SCU ed 1 rete locale alla sezione nazionale.

Nel 2020  partiranno, per il bando ordinario, 2.654 volontari in Puglia:  1359 (distribuiti in 187 progetti) nelle sedi degli enti iscritti nell’Albo Puglia - con alcuni posti riservati a giovani con disabilità, bassa scolarizzazione, extracomunitari - e 1.295 (distribuiti in 136 progetti) nelle sedi degli enti iscritti nell’Albo del Dipartimento e al SCU.

400 partecipanti all'assemblea dei volontari pugliesi in servizio nel 2017.

Nel 2017 sono stati realizzati 4 corsi per OLP (Operatori Locali di Progetto) e 1 corso di Formazione Generale rivolti al personale degli enti di Servizio Civile con una frequenza complessiva di circa 120 partecipanti;
nel 2018 6 corsi OLP con una frequenza complessiva di circa 120 partecipanti;
nel 2019 5 corsi OLP con una frequenza complessiva di circa 100 partecipanti.

Nel 2017 sono stati realizzati 4 seminari sul Servizio Civile Universale e 3 workshop specialistici sulla progettazione rivolti agli enti di Servizio Civile con la partecipazione di circa 400 persone;
nel 2018: 2 seminari sul Servizio Civile Universale e 3 workshop specialistici sulla progettazione con la partecipazione di circa 300 persone;
nel 2019: 3 seminari sul Servizio Civile Universale, in collaborazione con i Centri di Servizio al Volontariato, a cui hanno partecipato circa 100 persone.

Al momento è in atto un percorso regionale di assistenza tecnica teso a favorire l’accreditamento degli enti nell’Albo unico del SCU che si avvale delle competenze di un raggruppamento d’imprese esterno.

Quando
  • 2017

    18 aprile 2017: Entrata in vigore del decreto legislativo 40/2007 "Istituzione e disciplina del Servizio Civile Universale". Il decreto redistribuisce alcune competenze tra il Dipartimento e le Regioni e Pubbliche Amministrazioni e ridisegna il sistema di gestione del Servizio civile.

  • 2006

    Dal 2006 viene emanato annualmente un Avviso agli Enti accreditati al Servizio Civile per presentare progetti che accolgano giovani volontari e un conseguente Bando per la selezione dei volontari.
    Ogni 2 anni viene organizzata almeno un’assemblea regionale dei volontari per l’elezione dei loro rappresentanti regionali e nazionali.
    Vengono altresì organizzati almeno 3 corsi di formazione per OLP (Operatori Locali di Progetto) e 1 corso per Formatori Generali rivolti al personale degli enti di Servizio Civile con una frequenza complessiva di circa 100 partecipanti.

Beneficiari
  • Organizzazioni non profit
  • Enti pubblici
  • Giovani tra i 18 e i 29 anni non compiuti
Link