Ambiente, Energia e Rifiuti

Pianificazione in materia di siti contaminati/potenzialmente contaminati

È stata avviata la pianificazione in materia di siti contaminati/potenzialmente contaminati attraverso l'aggiornamento del Piano regionale di bonifica delle aree inquinate ( Dgr 1482/2018). Tale strumento pianificatorio ha come obiettivo primario il disinquinamento con tecniche e tecnologie "rifiuti zero".

Il Piano, redatto ai sensi dell’art. 199, comma 6, prima della declinazione degli Obiettivi e relative linee e azioni di intervento, riporta l’aggiornamento del quadro conoscitivo, da condividere con i principali portatori di interessi durante il percorso di partecipazione e consultazione pubblica relativa alla procedura di VAS a cui è attualmente sottoposto il Piano.

La Parte I - Conoscitiva e Strategica, parte fondante del Piano stesso che permea e guida tutta l’azione regionale in tema, descrive la strategia regionale in tema di bonifica di siti contaminanti in relazione ed in conformità all’articolato quadro normativo, comunitario e nazionale di riferimento. La Parte I è completata da una serie di Allegati che integrano e completano il documento esplicitando, attraverso l’estrazione dei dati inseriti nel sistema regionale Anagrafe dei siti da bonificare, il quadro dello stato di fatto regionale in materia di bonifiche di siti contaminati.

Nella Parte II - Sezione Programmatica la Regione indica l’obbiettivo primario e generale (OG) di piano nel “il disinquinamento, risanamento e il recupero ambientale e paesaggistico dei siti contaminati e/o con presenza di fonti inquinanti presenti sul territorio pugliese, puntando alla realizzazione di interventi, laddove possibile, con tecniche e tecnologie “rifiuti zero”, tanto al fine di tutelare la salute dei cittadini e l’ambiente”. L’obiettivo generale è declinato in obiettivi strategici/finalità di piano che ad esso concorrono.

Nella parte II il piano delinea e propone un organico insieme di azioni e misure da attuare nel breve e medio termine, per perseguire gli obiettivi di piano, da porre in atto nei tempi di validità del piano stesso, a partire dalla definizione delle priorità d’intervento da attuare con risorse pubbliche.

Il Piano, nella Parte programmatica, definisce inoltre il sistema di monitoraggio dell’attuazione degli obiettivi/azioni di piano che si interseca ed integra con il monitoraggio V.A.S. definito nel rapporto ambientale, che assicurerà il controllo degli impatti significativi sull’ambiente derivanti dall’attuazione del Piano approvato e la verifica del raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità prefissati, così da individuare tempestivamente gli impatti negativi imprevisti ed adottare le opportune misure correttive.

Risultati

  • Aggiornamento sullo stato di avanzamento e attuazione dei procedimenti di bonifica
  • Sviluppo e gestione dell’anagrafe dei siti da bonificare: strumento conoscitivo, gestionale e organico
  • Definizione delle priorità di intervento e stima degli oneri finanziari da destinare ai Comuni
  • Definizione della strategia regionale e armonizzazione con altre normative e pianificazioni di settore ambientale

Quando
  • 2018

    Aprile: con Delibera di Giunta n. 551 dell’11 aprile 2017 sono state approvate: 

    • aggiornamento del Piano Regionale di bonifica
    • approvazione delle linee guida

    consultazioni preliminari per il VAS - Valutazione Ambientale Strategica

    Giugno: sono stati organizzati incontri previsti dalla Legge Regionale sulla Partecipazione.

    Agosto: adozione della proposta di Piano adottata con Delibera di Giunta regionale n. 1482. A seguito della stesura della  versione definitiva del Piano, il Consiglio regionale procederà con l’approvazione.

Beneficiari
  • Soggetti pubblici e privati coinvolti nell'attuazione del Piano e nelle procedure tecniche amministrative della bonifica di siti contaminati.
  • La popolazione pugliese direttamente e indirettamente esposta al rischio di contaminazione ambientale.
Partner
  • ARPA Puglia - Agenzia Regionale per la Prevenzione e protezione dell’Ambiente