Cosa prevede il Programma di Governo

Un tessuto economico competitivo, che fa leva su innovazione e sostenibilità, contrasta in modo pro-attivo la disoccupazione, soprattutto quella giovanile, ed è in grado di attrarre quel "capitale umano" di professionalità intellettuali, scientifiche e creative oggi più propense alla fuga verso altri lidi.

Sostegno alle Piccole e Medie Imprese. Con i fondi europei messi a disposizione dal POR - Programma Operativo della Puglia 2014-2020, la Regione ha stimolato la crescita delle Piccole e Medie Imprese locali con contributi, incentivi, forme di sostegno al credito e semplificazione amministrativa.

Le 328mila Piccole e Medie imprese attive in Puglia possono usufruire di 12 tipologie di incentivi, gestiti da Puglia Sviluppo. Tutti gli incentivi sono privi di scadenza, con procedura a sportello e accesso online: ad aprile 2019, 1,4 miliardi di euro di agevolazioni richieste – per infrastrutture, attrezzature, ricerca, sviluppo e lavoro  –   hanno generato investimenti complessivi per oltre 3,79 miliardi di euro per 9.924 progetti imprenditoriali innovativi.

Ricerca e Innovazione. Sono le politiche della frontiera più avanzata, attivate per accrescere l'esperienza della ricerca collaborativa e produrre risultati che si connettono alle nuove sfide sociali e ai fabbisogni pubblici di innovazione. Gli interventi più recenti sono: TecnoNidi, Innonetwork e Innolabs.

Internazionalizzazione. 3.490 imprese pugliesi hanno partecipato a 101 iniziative promozionali - fiere, seminari e workshop, missioni all’estero e missioni di imprese estere in Puglia – sostenute dalla Regione Puglia. Con il contributo del Voucher Fiere, altre 300 imprese hanno potuto partecipare a fiere internazionali.

Fiore all'occhiello è il settore aerospaziale. La Puglia è oggi una della più importanti realtà aerospaziali in Italia: accoglie tutta la filiera produttiva, dalla componentistica alla creazione dei software, e vede la presenza di aziende con diverse linee di progettazione e produzione.

Puglia Digitale. Grandi sforzi sono stati portati avanti per dotare i cittadini pugliesi di infrastrutture e servizi digitali necessari per dare a tutti la possibilità di essere connessi e interagire con le Pubbliche Amministrazioni. 

InnovaPuglia S.p.A. opera per migliorare la qualità, l’accessibilità e la fruibilità dei servizi digitali offerti ai cittadini. Attua inoltre l'Agenda Digitale della Regione Puglia, per superare le differenze d'accesso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione e garantire a tutto il territorio le stesse opportunità di crescita economica, innovazione e produttività.

Trasporti. La Regione Puglia ha lavorato per ridurre le distanze degli operatori economici locali con il resto del mondo e favorire lo sviluppo delle reti di trasporto sul territorio nell’ottica dell’innovazione, della sicurezza e della sostenibilità ambientale.

Aeroporti di Puglia S.p.A. – concessionaria unica degli scali di Bari, Brindisi, Foggia e Grottaglie - è la prima Rete aeroportuale italiana. Con una crescita del traffico passeggeri del 20% dal 2015, la società gioca un ruolo strategico nell’attuazione delle politiche regionali di miglioramento dell’accessibilità e della connettività della Puglia con i mercati italiani e internazionali di riferimento.

Strade, ferrovie ma anche, e soprattutto, mare. Lo sviluppo della Blue Economy – l‘economia del mare - asseconda la naturale predisposizione della Puglia al rapporto con il Mediterraneo, in virtù dei suoi oltre 800km di coste. Per il traffico merci e i flussi economici via mare, la Puglia è un Hub strategico nel cuore del Mediterraneo, storico anello di congiunzione fra oriente e occidente.

Con il Piano della Mobilità Lenta, la Regione ha avviato la realizzazione della rete ciclabile regionale: itinerari di lunga percorrenza - come la Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese - e velostazioni, diffusi sul territorio, che valorizzano i percorsi già consolidati e privilegiano le strade a basso traffico.

Un tessuto economico competitivo, che fa leva su innovazione e sostenibilità, contrasta in modo pro-attivo la disoccupazione, soprattutto quella giovanile, ed è in grado di attrarre quel "capitale umano" di professionalità intellettuali, scientifiche e creative oggi più propense alla fuga verso altri lidi.

Sostegno alle Piccole e Medie Imprese. Con i fondi europei messi a disposizione dal POR - Programma Operativo della Puglia 2014-2020, la Regione ha stimolato la crescita delle Piccole e Medie Imprese locali con contributi, incentivi, forme di sostegno al credito e semplificazione amministrativa.

Le 328mila Piccole e Medie imprese attive in Puglia possono usufruire di 12 tipologie di incentivi, gestiti da Puglia Sviluppo. Tutti gli incentivi sono privi di scadenza, con procedura a sportello e accesso online: ad aprile 2019, 1,4 miliardi di euro di agevolazioni richieste – per infrastrutture, attrezzature, ricerca, sviluppo e lavoro  –   hanno generato investimenti complessivi per oltre 3,79 miliardi di euro per 9.924 progetti imprenditoriali innovativi.

Ricerca e Innovazione. Sono le politiche della frontiera più avanzata, attivate per accrescere l'esperienza della ricerca collaborativa e produrre risultati che si connettono alle nuove sfide sociali e ai fabbisogni pubblici di innovazione. Gli interventi più recenti sono: TecnoNidi, Innonetwork e Innolabs.

Internazionalizzazione. 3.490 imprese pugliesi hanno partecipato a 101 iniziative promozionali - fiere, seminari e workshop, missioni all’estero e missioni di imprese estere in Puglia – sostenute dalla Regione Puglia. Con il contributo del Voucher Fiere, altre 300 imprese hanno potuto partecipare a fiere internazionali.

Fiore all'occhiello è il settore aerospaziale. La Puglia è oggi una della più importanti realtà aerospaziali in Italia: accoglie tutta la filiera produttiva, dalla componentistica alla creazione dei software, e vede la presenza di aziende con diverse linee di progettazione e produzione.

Puglia Digitale. Grandi sforzi sono stati portati avanti per dotare i cittadini pugliesi di infrastrutture e servizi digitali necessari per dare a tutti la possibilità di essere connessi e interagire con le Pubbliche Amministrazioni. 

InnovaPuglia S.p.A. opera per migliorare la qualità, l’accessibilità e la fruibilità dei servizi digitali offerti ai cittadini. Attua inoltre l'Agenda Digitale della Regione Puglia, per superare le differenze d'accesso alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione e garantire a tutto il territorio le stesse opportunità di crescita economica, innovazione e produttività.

Trasporti. La Regione Puglia ha lavorato per ridurre le distanze degli operatori economici locali con il resto del mondo e favorire lo sviluppo delle reti di trasporto sul territorio nell’ottica dell’innovazione, della sicurezza e della sostenibilità ambientale.

Aeroporti di Puglia S.p.A. – concessionaria unica degli scali di Bari, Brindisi, Foggia e Grottaglie - è la prima Rete aeroportuale italiana. Con una crescita del traffico passeggeri del 20% dal 2015, la società gioca un ruolo strategico nell’attuazione delle politiche regionali di miglioramento dell’accessibilità e della connettività della Puglia con i mercati italiani e internazionali di riferimento.

Strade, ferrovie ma anche, e soprattutto, mare. Lo sviluppo della Blue Economy – l‘economia del mare - asseconda la naturale predisposizione della Puglia al rapporto con il Mediterraneo, in virtù dei suoi oltre 800km di coste. Per il traffico merci e i flussi economici via mare, la Puglia è un Hub strategico nel cuore del Mediterraneo, storico anello di congiunzione fra oriente e occidente.

Con il Piano della Mobilità Lenta, la Regione ha avviato la realizzazione della rete ciclabile regionale: itinerari di lunga percorrenza - come la Ciclovia dell'Acquedotto Pugliese - e velostazioni, diffusi sul territorio, che valorizzano i percorsi già consolidati e privilegiano le strade a basso traffico.


Azioni

Governance pubblica dei settori dell’economia, attraverso una Authority delle partecipate pubbliche in multiutilities. In questo senso vanno capitalizzati i flussi di dati (in particolare gli open data) trattandoli a partire dal valore economico del loro riuso.

Incentivi alla ricerca, alla formazione di qualità e al sistema dei servizi alla produzione.

Sviluppo della Puglia digitale.

Rafforzamento del coordinamento dei Consorzi ASI e Sisri.

Ilva: ambientalizzazione e bonifiche

Nuovo modello di governance integrata per i trasporti.

Politica portuale di coordinamento delle autorità di Bari, Brindisi e Taranto.

Sviluppo della Blue economy

Ripensamento delle attività legate alla pesca con modalità che garantiscano la conservazione e lo sfruttamento sostenibile delle risorse marine

Piano straordinario per i giovani pugliesi per contrastare la fuga dei cervelli e inquadrare la Puglia come polo di eccellenza per l’alta formazione come leva per attrarre investimenti e costranstare la disoccupazione.

Rivisitazione del finanziamento alle start-up attraverso una programmazione di sostenibilità integrata e coordinata fra i diversi assessorati: i nuovi bandi metteranno a disposizione supporti manageriali, utilizzo di tecnologie digitali, favorendo cooperazione e autoimprenditorialità.

Piano triennale della ricerca attraverso nuovi bandi regionali rivolti a università, centri di ricerca, fondazioni, enti locali

Piano triennale di progetti formativi funzionali alle esigenze di sviluppo economico del territorio

Sportello unico per il reperimento delle risorse europee in ogni provincia

Completamento delle infrastrutture di banda larga/ultra-larga in tutto il territorio.

Potenziamento della piattaforma Sistema Puglia, attraverso nuove tecnologie come le applicazioni per smartphone, anche per veicolare informazioni in tempo reale relative al monitoraggio e prevenzione del territorio e dell’ambiente.

Integrazione della programmazione dei porti per aumentare la competitività nei confronti delle altre realtà portuali concorrenti, sia italiane che straniere, potenziando la progettualità per le esportazioni verso nuove rotte. Coordinamento delle autorità di Bari, Brindisi e Taranto.

Sostegno ai giovani imprenditori attraverso un piano di formazione sui progetti finanziati, un supporto gestionale e manageriale.

Riqualificazione delle aree industriali dismesse a supporto dei settori strategici dell’economia pugliese.

Misure di sostegno al credito e di formazione, associando incentivi alla capacità di innovare.

Investimenti in ambiti Tecnologici, così come le industrie di trasformazione e quelle legate alla green economy.

Sviluppo della Puglia Digitale

Rafforzamento del coordinamento dei Consorzi Asi e Sisri che dovranno essere sempre più finalizzati ad offrire realmente infrastrutture qualificate e servizi reali a prezzi competitivi.

ILVA: o si ambientalizza e si bonifica, oppure si dovrà inevitabilmente chiudere, perché la salute dei cittadini viene prima di tutto. L’Ilva non è solo una industria strategica per l’economia. L’Ilva è il simbolo di un cambiamento possibile per l’intera Puglia. Una sfida gigantesca, per la quale assumiamo un fortissimo impegno, nel confronto con il Governo nazionale sulla salute dei tarantini e sulle prospettive dell’industria.

Completamento e modernizzazione del sistema ferroviario e dei servizi logistici con infrastrutture adeguate a criteri ecologici, che accorcino le distanze da Nord Italia ed Europa e favoriscano il trasporto intermodale delle merci.

Nuovo modello di governance integrato dei trasporti. Con una strategia basata su un piano regionale di intermodalità, funzionale all’economia regionale e alle potenzialità strategiche dei diversi territori

Investimenti per la blue economy

Piano straordinario per i giovani pugliesi. Una consistente parte delle risorse comunitarie ha come obiettivo primario quello di ridurre il “gap” di “capitale umano” fra regioni ricche e povere dell’Unione Europea. L’alta formazione è una leva per attrarre investimenti economici, intelligenze e creatività da tutta Europa. La possibilità per le imprese pugliesi e non, di accedere a pool di giovani altamente qualificati e specializzati, rappresenterà nei prossimi anni un fattore competitivo di straordinaria importanza. E per i giovani una possibilità in più per restare e per inserirsi nel mercato del lavoro. Noi proponiamo un piano triennale della ricerca, attraverso nuovi bandi regionali, rivolti a Università, Centri di Ricerca, fondazioni, enti locali, sia per attività di ricerca di base che di ricerca industriale, orientata a settori strategici per l’economia regionale. I bandi dovranno prevedere, a parità di punteggio, criteri preferenziali per i giovani laureati che hanno maturato significative esperienze di ricerca di valenza internazionale e misure (sul modello del programma Montalcini del MIUR) per il rientro dall’estero. Tenuto conto degli incentivi fiscali già previsti per il rientro dei cervelli per i prossimi due anni all’interno della Legge di Stabilità, avvieremo d’intesa con il Governo una misura additiva o autonoma in base alla norma statale. Inoltre, nell’ambito della medesima misura di programmazione europea, prevediamo di avviare un piano triennale di progetti formativi, funzionali alle esigenze di sviluppo economico del territorio con tirocini/training presso imprese per supportare e potenziare le attività di ricerca e innovazione, connettendole allo sviluppo economico del territorio, in particolare delle PMI

Piano triennale della ricerca attraverso nuovi bandi regionali rivolti a università, centri di ricerca, fondazioni, enti locali

Piano triennale di progetti formativi funzionali alle esigenze di sviluppo economico del territorio

Rivisitazione del finanziamento alle start-up attraverso una programmazione di sostenibilità integrata e coordinata fra i diversi assessorati: i nuovi bandi metteranno a disposizione supporti manageriali, utilizzo di tecnologie digitali, favorendo cooperazione e autoimprenditorialità

Formazione di personale dell’amministrazione e degli enti locali dedicata al reperimento, gestione e rendicontazione dei finanziamenti diretti e indiretti della UE.

Sportello unico per il reperimento delle risorse europee in ogni provincia.

Completamento delle infrastrutture di banda larga/ultra-larga in tutto il territorio.

Potenziamento della piattaforma Sistema Puglia, attraverso nuove tecnologie come le applicazioni per smartphone, anche per veicolare informazioni in tempo reale relative al monitoraggio e prevenzione del territorio e dell’ambiente.

Integrazione della programmazione dei porti per aumentare la competitività nei confronti delle altre realtà portuali concorrenti, sia italiane che straniere, potenziando la progettualità per le esportazioni verso nuove rotte.

Sostegno ai giovani imprenditori attraverso un piano di formazione sui progetti finanziati, un supporto gestionale e manageriale. Questi interventi saranno coordinati da un nuovo servizio dedicato.

Riqualificazione delle aree industriali dismesse a supporto dei settori strategici dell’economia pugliese.

Interventi

Centro regionale di Monitoraggio per la Sicurezza Stradale
Determinazione della matrice OD degli spostamenti sulla rete stradale della Regione
Redazione del Piano Regionale delle Merci e della Logistica
Acquisto di autobus urbani di nuova generazione per il Trasporto Pubblico Locale
Aeroporti di Puglia S.p.A.
Affidamenti dei Servizi Ferroviari e nuove concessioni ferroviarie
Ammodernamento del parco autobus dedicato al Trasporto Pubblico Locale Urbano
Apertura nuova Stazione ferroviaria “Cecilia” - Bari
Certificazione di Qualità UNI EN ISO 9001:2015 per le progettualità delle opere pubbliche pugliesi
Codice del commercio e le regole di attuazione
Estrazione dei talenti
Gestione Datore di Lavoro D.Lgs 81/2008
Gestione interventi autorità idraulica
Gestione tecnica ed amministrativa dei programmi di interventi in materia di Opere Pubbliche
Il modello di gestione delle crisi industriali in Regione Puglia nell’anno 2018
Incentivi alle imprese
InnovaPuglia S.p.A. - Innovazione digitale
Internazionalizzazione
Interventi a favore della Blue Growth
Lavori in gestione diretta
Piani Urbani per la Mobilità Sostenibile (PUMS)
Piano per la sicurezza ferroviaria
Piano Regionale della Mobilità Ciclistica
Progettazione e Realizzazione della Ciclovia dell’Acquedotto Pugliese
Programmi di attuazione del Piano nazionale della sicurezza stradale
Programmi di finanziamento della mobilità elettrica
Puglia Digitale
Puglia Sviluppo
Rafforzamento Amministrativo o Capacity Building
Realizzazione nuove velostazioni
Realizzazione nuovi percorsi ciclabili
Redazione Piani Strategici per Zone Economiche Speciali interregionali del Mar Adriatico, Meridionale e Ionico
Ricerca e innovazione
Rinnovo della flotta dei treni regionali
Riqualificazione aree industriali dismesse
Snellimento procedure per l’accesso al sistema di Aiuti e VIA
Strategia nazionale per le Aree Interne (SNAI) - Settore Infrastrutture
TecnoPolo